fotros travel agency
Le più importanti aree di coltivazione del tè in Iran

Le più importanti aree di coltivazione del tè in Iran

Samira Tahmasebi
city: LAHIJAN
57

Le più importanti aree di coltivazione del tè in Iran

Primo posto: Roodsar

Geograficamente, la città conduce a sud verso le montagne Alborz, a nord verso il Mar Caspio, a est verso Ramsar (nella provincia di Mazandaran) e ad ovest verso Langroud e Amlash (nella provincia di Gilan), il più grande produttore di autentico tè iraniano. È considerato.

Secondo posto: Amlash

È il secondo maggior produttore di tè iraniano autentico dopo Roodsar, a 2 chilometri da Rasht e 2 chilometri da Roodsar e Langrood.

Terzo posto: Lahijan

Questa città, una delle più importanti aree turistiche nel nord del nostro amato paese, geograficamente da nord a Mar Caspio a sud è un Dilman e Sisakkal ad est a Langroud e ad ovest a Rodi. Lahijan è il terzo più grande produttore di tè iraniano ed è storicamente noto (tè coltivato per la prima volta da Kashf al-Saltanah in città) e la posizione turistica e turistica della popolazione iraniana generale è conosciuta come Lahijan.

Museo di storia del tè iraniano e tomba di Kashf al-Saltanah

 Il fondatore dell'industria del tè iraniana è una delle attrazioni turistiche di Lahijan, che è accolto da molti turisti. È l'unico museo specializzato del tè nel paese che introduce l'industria del tè iraniana dal suo inizio al suo stato attuale.

Lahijan è una delle città più antiche e belle della provincia di Guilan, conosciuta come la "Città del tè", perché la preparazione del tè in Iran fu iniziata a Lahijan nel 1319 AH dagli sforzi di "Haj Mohammad Mirza Kashif al-Saltaneh Chaykar". La città e altre aree della costa meridionale del Mar Mazandaran si sono sviluppate.

Inizialmente, secondo la volontà dello scopritore della sua tomba, che era fatta di marmo nero, la sua tomba era tra i cespugli di tè. Ma poco dopo fu incaricato che il 2% del ricavato del tè fosse dedicato alla costruzione di una sua tomba. Dal 1335, l'attuale edificio in stile architettonico occidentale è stato preparato e commissionato dalla National Association of Artworks con uno scheletro di cemento e una struttura di pietra di ontano di 512 piedi quadrati.

L'intero complesso è stato trasferito all'Organizzazione per i beni culturali nel 1992 e una grande sala rettangolare adiacente alla tomba è stata dedicata al Museo del tè iraniano e la costruzione del museo è stata completata nel 1996. Con le sue forniture di tè tradizionali e specializzate e le prove delle attività di Father Tea in Iran, la collezione ora accoglie molti locali e turisti. A ovest della tomba a torre rettangolare e quadrata, a est della sala principale con due sale di circa 14 metri quadrati. L'ingresso principale è sul lato est, che conduce a due stanze laterali. Nella stanza a destra, il lato sinistro della stanza è decorato con uno schermo di ta'ziyeh e sulla destra è decorato con documenti storici e teiera e foto del padre del tè.

Il complesso ha una facciata in legno e il pavimento è in moquette con marmo. C'è un pavimento in legno nella sala principale, che è diviso in porzioni superiori e inferiori. Le cabine sono disposte attraverso le pareti laterali sotto forma di scatole a specchio. La classificazione della sala viene effettuata in parallelo con le sue sei colonne. All'inizio della sala ci sono due scale di legno che raggiungono il secondo piano. Dall'altro lato della sala, al piano terra, si trova una scala in pietra che raggiunge la tomba del padre del tè iraniano.

Il Museo del tè iraniano ha 532 oggetti di reperti storici. Gli stand in questa sala sono sistemati sulle pareti laterali e formano una scatola a specchio, al piano terra all'interno espone due samovar russi, un vassoio d'argento, un'idea fatta da Isfahan, una tazza e una scatola da tè, una bustina di tabacco, una caffettiera cinese, una calligrafia e una calligrafia. Sono stati esposti.

Le vetrine del secondo piano espongono ceramiche, gioielli e oggetti di epoca partica e selgiuchide, documenti e atti, ornamenti, jajim, tazze di leone, mortai di legno, vaschette di legno e così via. Le fasi di coltivazione, raccolta e coltivazione delle piante di tè e la loro lavorazione e preparazione sono anche mostrate in numerosi stand.