fotros travel agency
Iran, Italia per celebrare 60 anni di collaborazione nel patrimonio culturale e storico

Iran, Italia per celebrare 60 anni di collaborazione nel patrimonio culturale e storico

Samira Tahmasebi
city: Sistan e Baluchestan
61

sukhte-iran

Uno degli obiettivi e degli indicatori importanti della creazione dell'Istituto di ricerca sul patrimonio culturale e sul turismo è il restauro e la documentazione per preservare la qualità e rivelare i legami storico-culturali e naturali mancanti.

L'Iran e l'Italia sono due culle della civiltà del Medio Oriente e del Mediterraneo e siamo orgogliosi di collaborare con il Ministero dei beni e del turismo culturali, delle Università di Sapienza e Bologna, tra le università più prestigiose del mondo.

sukhte-iran

Nell'ultima parte delle relazioni culturali tra Iran e Italia dopo la seconda metà del XX secolo, studiosi iraniani come il defunto Giuseppe Tucci (q.v.), ex Prof. Adriano Valerio Rossi, Presidente dell’IsMEO  – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente nonché la distribuzione di attività archeologiche in Iran, hanno iniziato i loro sforzi fino ad oggi documentati dal Prof. Adriano Valerio Rossi, e il professor Francesco Callieri hanno continuato a coprire lo spettro di attività da aree e periodi del processo storico-culturale dell'Iran, fornendo formazione diretta e indiretta a archeologi e restauratori iraniani. Perché ora la comunità archeologica sta beneficiando della conoscenza di professori come Mansour Sajjadi e il Dr. Hamid Khatib ShahidiIndubbiamente, un'altra area del patrimonio culturale e della comunicazione bilaterale è il restauro di monumenti storici, che vanno dalla conservazione dopo lo scavo al restauro a monumenti di fama mondiale come le collezioni Parsee e Pasargad. Esempi di tali collaborazioni sono le esperienze di collaboratori italiani nel documentare, registrare e cercare di proteggere il patrimonio mondiale dell'Iran come patrimonio comune dell'umanità.

iran-sukhte

Visione attesa dell'Istituto di ricerca sul patrimonio culturale del Ministero, approfondendo ulteriormente le attività archeologiche applicando conoscenze interdisciplinari e diffondendo i suoi risultati, ampliando l'istruzione ai giovani archeologi negli studi universitari in archeologia e restauro, ed esibendo Alcuni dei risultati di tali attività e attrazioni storiche naturali sono di attrarre turisti italiani a visitare l'Iran.

Perché l'espansione delle attività congiunte tra Iran e Italia ha promosso la qualità del patrimonio culturale e turistico da punti di riferimento come, Shahr-i Sokhta in Zabol , Arg e Bam e la Moschea Jame a Isfahan, e la pubblicazione di joint venture è stata molto efficace nell'introdurre opere mondiali e il processo di registrazione.

iran-sukhte

Nel 1959, che iniziò l'attività tra il patrimonio culturale italiano e iraniano, iniziarono gli scavi archeologici La Piana di Sistan con scavi archeologici e attività di conservazione e restauro. Esempi includono aree del Sistan come il cratere Gholaman, la montagna di Khajeh, Qaleh Tapeh Yahya e Shahr-i Sokhta, nonché attività di conservazione e archeologia nella moschea Isfahan Jame, attività di conservazione a Persepoli e Pasargad e numerosi altri importanti progetti come conservazione e Ripristino congiunto in della cooperazione Iran-Italia in questo campo che ha portato all'informazione Molto prezioso fin dai primi giorni di questa città achemenide ora disponibile per studiosi e archeologi. Un'altra ricerca archeologica è stata condotta nella grande civiltà Khorasan nell'antico Chloe.

L'Iran e l'Italia sono i due centri di civiltà nel Medio Oriente e nel Mediterraneo, e il Memorandum of Understanding del Patrimonio e Artigianato del Ministero del Turismo iraniano con due prestigiose università italiane (Università di Sapienza e Bologna) ha ampliato i legami culturali tra i due paesi ai confini orientali.

 

iran-sukhte